libri

You are currently browsing articles tagged libri.

E’ uscito da poco in Italia il primo volume tradotto della trilogia Red Rising – Golden Son – Morning Star di Pierce Brown.
Beh, mi sento di fare un endorsement e consigliare di leggerlo (sperando che la traduzione sia decente: io sto finendo la trilogia in originale).
L’inizio è un po’ reminiscente di Hunger Games, ma le similitudini si limitano al fatto che si tratti di una distopia e al contesto del primo libro. La storia di fondo, gli intrighi, i colpi di scena, sono veramente notevoli, in un’ambientazione che mischia il classico con la fantascienza in una maniera veramente interessante e con una cattiveria degna di GRRM: si tratta di tutto meno che di un romanzo young adult! Il secondo libro, se possibile, è ancora meglio del primo, con personaggi che dimostrano una profondità notevole. Il terzo lo sto leggendo avidamente.
Consigliato veramente.

Tags: ,

E’ un bel po’ che ne usufruisco, ed è un bel po’ di più che esiste, ma mi rendo conto che non ne ho mai parlato: la casa editrice (perlopiù di fantascienza) Baen è unica nel panorama perchè mette a disposizione gratuitamente svariati libri del suo catalogo. Un bel editoriale che spiega i ragionamenti dietro tutto ciò lo trovate qui. Devo dire che la cosa funziona, secondo me, perché io di loro libri ne ho comprati una quindicina, della saga di Honor Harrington, il cui autore David Weber include in ogni nuovo hardback che pubblica un CD con tutti i libri che ha precedentemente scritto, in svariati formati, nessuno coperto da DRM. Mi complimento per la coraggiosa visione.

Tags: , , ,

Ho appena terminato “La svastica sul sole” di P.K. Dick. Un libro non immediato, ben al di là del solito romanzo di fantascienza; uno scenario ucronico intrigante (l’America occupata dall’Asse) dà il via ad uno strano gioco di mondi paralleli in cui non si capisce cosa sia realtà e cosa finzione. Da leggere, però con attenzione.

Ora aprirò “Gli ingrattabili” che ho comprato qualche giorno fa. Un giallo con protagonisti cani e gatti, mi sa di spassoso. Vi farò sapere.

Tags: , , ,

Ho approfittato delle due settimane di ferie, oltre che per riposarmi, stare un po’ col mio amore e andare al mare, per leggere un paio di libri che avevo da un po’ di tempo nella mia pila.

Beh, a dire il vero il primo è una trilogia, le Cronache del Mondo Emerso di Licia Troisi. Per chi non lo sapesse, l’autrice è una giovane scrittrice italiana che va per la maggiore, soprattutto tra i giovanissimi. Devo dire che le Cronache, che sono la prima trilogia che ha scritto, pur tradendo all’inizio una certa immaturità, migliora via via, fino a trovare un esito godevolissimo nel finale. Antonella, che ha già letto la trilogia seguente (le Guerre), mi ha riferito che il processo di maturazione dell’autrice è continuato, perciò ho comprato anche quel volume, che prima o poi leggerò.

Il secondo libro che ho letto è Shattered Sword, un testo sulla battaglia delle Midway, che segnò l’inizio della fine dell’espansione giapponese nella 2GM. Si tratta di un volumazzo di dimensioni rispettabili, introvabile in italiano, molto ben documentato, che ricostruisce, soprattutto dal punto di vista giapponese (molto meno noto alla storiografia occidentale, per ovvi motivi) i motivi che hanno portato alla disfatta del Kido Butai, sfatando numerosi miti lungo la strada. Molto curata la distinzione tra gli avvenimenti e la percezione che di essi avevano i giapponesi, così da meglio far comprendere il perchè di certe scelte.

Entrambi libri che consiglierei, ovviamente agli appassionati di fantasy e di storia contemporanea rispettivamente.

Tags: , , ,

Sto leggendo “Leggermente fuori fuoco”, cioè l’autobiografia di Robert Capa… Forse il più grande fotogiornalista del 20 secolo. Proprio domenica scorsa sono stato con Antonella (grazie Amore!) alla sua mostra a Milano, e alcuni scatti mi hanno colpito molto, ma tre in particolare. Intanto i primi due, che tutti conoscono:

Morte di un Miliziano

Morte di un Miliziano

D-Day

D-Day - Omaha Beach

Sono anche scatti contrapposti, perché mentre una persona è morta improvvisamente, senza neanche accorgersene (si vede bene che è stata colpita alla testa), l’altra si è trovata in una situazione mortalissima, sotto il fuoco delle mitragliatrici tedesche, ed è sopravvissuta.

Il terzo, che sventuratamente non sono riuscito a trovare su Gugol, è forse uno dei meno conosciuti ma più drammatici: un bambino, morto per terra, con a lato un maialino e un coniglio (morti anche loro) che aveva cercato di difendere da non ricordo più che soldataglia.

La guerra, nella sua drammaticità, Capa la conosceva bene. E diceva spesso “Se le vostre foto non sono abbastanza buone, forse non siete abbastanza vicini.”

Finchè un giorno anche lui è andato troppo vicino.

Tags: , , , ,

Quanti di voi si ricordano dei librogames, insomma dei libriccini “a bivi” / “il protagonista sei tu” / “scegli la tua avventura”?

Era stato un successo editoriale nei tardi anni ‘80 / inizio anni ‘90, antesignano per certi versi dell’interesse di molti giovani della mia età per i giochi di ruolo o per il fantasy.

Beh, adesso non ho voglia di starvi a raccontare di Lupo Solitario e delle molte sue avventure, o di Oberon il giovane mago, e dei molti eroi che popolavano questi libri, ma siccome ne ho una collezione non indifferente, e di recente ho deciso di ampliarla a un paio di altre serie, quasi complete, volevo semplicemente dire a chi si trovasse in casa di questi libri, e non sapesse che farsene, di contattarmi. Qualcuno a cui interessino si troverà di sicuro, che sia io o un altro appassionato.

Ciao!

PS Ah, anche le storie “a bivi” uscite a suo tempo su Topolino sarebbero apprezzate.

Tags: , , ,

Edizione Mondadori 1995 (e soltanto questa). Se per caso l’avete e potete darla via, contattatemi.

Tags: , ,

Arthur Clarke, 1917-2008

Tags: ,

Un’idea che suggerisco ai miei blog-friends, sperando che la colgano: suggerite cinque libri che fareste leggere a tutti. Chissà che qualcuno di noi non scopra qualche nuova interessante lettura. Una sola preghiera: non regalatemi libri, in genere se non li scelgo io poi non riesco a leggerli.

Here we go…

1) The definitive book of Body Language, di Allan e Barbara Pease

Per capire tante cose della comunicazione non-verbale. E’ incredibile quante cose noterete negli altri, quanti gesti inconsci tradiscano il comportamento, quanti segni potrete cogliere che vi diranno molte più cose nei vostri interlocutori che non le parole; col vostro atteggiamento potrete perfino influenzare il modo degli altri di porsi verso di voi. Provato, funziona. Devo solo ricordarmelo più spesso.

2) Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere, di John Gray

Fondamentale per capire i problemi di comunicazione tra i due sessi. Dovrebbero leggerlo tutti e impararlo a memoria.

3) Harry Potter, tutta la saga, di JK Rowling

Nel 90% dei casi chi ne parla male non l’ha letto. Chi non l’ha letto non sa cosa si è perso. Se ti prende è peggio di una droga. Over and out, potter-fan forever.

4) Monica: from Fear to Victory

L’autobiografia di Monica Seles, la campionessa di tennis caduta dalle sue glorie in depressione a seguito della pugnalata presa alla schiena (in senso letterale) durante un match. Un autoritratto di una sincerità disarmante, un insegnamento di forza nelle avversità, una storia a lieto fine, visto il ritorno alla vittoria nel senso della vita oltre che dello sport.

5) Gea, la saga, di Luca Enoch

OK, ho barato, non sono libri bensì fumetti, ma non me ne frega niente dato che Gea è cmq una delle saghe fantasy più belle che io abbia mai letto. Sono 18 numeri, editi da Bonelli, meritano l’acquisto. Attenzione: l’autore è dichiaratamente di sinistra, e va letto con spirito aperto; a me cmq Gea è piaciuta tantissimo, perchè oltre ad essere una saga splendida propone tematiche profonde e fa pensare, e ciò non è mai una cattiva cosa.

Salutescions…

Tags:

Con Andrea e Michele ieri abbiamo visitato la fiera del gioco e del fumetto a Lucca.
Trovato senza troppe peripezie un posto per l’auto vicino alla fiera, guidati dal magno zio Tom, e dopo esserci brillantemente quasi-persi a piedi nella campagna lucchese, abbiamo raggiunto le mura e la fiera. Fatta la coda e preso il braccialetto, ci siamo addentrati nei padiglioni, dedicandoci subito agli acquisti!
Visto che c’era pure l’autore presente, il mitico Joe Dever, non ho potuto fare a meno di prendere e farmi firmare la ristampa rivista del n°1 di Lupo Solitario… Mr Dever era in ottima forma dopo i guai passati, e si vede che deve essergli piaciuta Lucca, perchè ci torna tutti gli anni ed è sempre molto disponibile. Poi ho preso Bang! La pallottola, la versione definitiva del gioco di carte che tanto piace a un gruppo di miei amici (e pure a Francesco, incredibile dictu) e infine un po’ di vecchi Tex e la collezione completa di Sprayliz, il fumetto di Luca Enoch precedente a Gea, di cui avevo già alcuni volumetti. Fortunatamente anche la parte Comics era abbastanza visitabile, pur restando la solita bolgia, era una bolgia meno piena! Sabato e domenica sarà peggio, mi sa. Ho rimediato uno zainetto gratis, e meno male perchè il mio era pieno.
Abbiamo pranzato con degli improponibili panozzi (troppo pane!) e poi digerito girando qua e là. Siamo stati alla conferenza di presentazione del film di Dragonlance con Margaret Weis, la nota autrice fantasy che con Tracy Hickman ha scritto la famosa serie che ha dato l’avvio all’epopea di Krynn.
Verso sera ci siamo rimessi in macchina, e superato le insidie dell’autostrada che cercava di ingannarci sulla direzione con strani cartelli sbarrati, nonchè un ingorgo verso Recco, siamo arrivati a casa per cena. Hoody Hoo!

Michele e Andrea

Margaret Weis alla presentazione del film della Dragonlance

Tags: ,

« Older entries