Varie

You are currently browsing the archive for the Varie category.

Telegram

Invito caldamente tutti i miei contatti ad installare Telegram e usarlo preferenzialmente a Whatsapp. Perchè – direte voi – ora che anche Whatsapp non si paga più? Per diversi buoni motivi:

1) Telegram è più pratico: potete installarlo sul PC (c’è pure un portable client), sul tablet, sullo smartphone, e tutte le istanze sono sincronizzate e funzionano indipendentemente. Whatsapp ha un desktop client che funziona (male) solo se avete il cellulare a fianco e collegato al WiFi.

2) Telegram permette lo scambio di qualsiasi tipo di file, e non distrugge le fotografie comprimendole e rimpicciolendole come fa Whatsapp.

3) Telegram ha i bot, cioè delle chat automatiche con varie funzioni, tipo il mitico Trackbot, che ti segue un pacco e ti aggiorna sul suo stato di spedizione.

4) Telegram è più sicuro. Non lo dico io, ne sono convinti un po’ tutti, compresa pare l’ISIS. Detto questo, non scambierei via chat dati riservati tipo codici bancari e simili, non si può mai sapere.

5) Telegram ha gli sticker di Star Wars. Già questa motivazione basterebbe per farlo preferire!

6) Telegram ha un client più snello (40 vs 60 MB, sul mio telefono)

7) Quando Telegram viene aggiornato, inserisce nuove funzioni utili. Quando Whatsapp viene aggiornato, inserisce due faccine.

L’unico motivo per usare Whatsapp è che “lo hanno tutti”. Ma – posto che Telegram al momento è una app migliore – se installiamo tutti Telegram, ci sarà più competizione, il che è sempre meglio per tutti.

Tags: , ,

Andando al lavoro

Andando al lavoro stamattina camminavo nel quartiere della Foce, devastato dall’alluvione.

Passo vicino a una coppia, noto lui, bassino, di aspetto latino, probabilmente equadoregno, carico di secchio e vari scopettoni, poi vedo lei, alta, al suo fianco, visibilmente turbata, con il viso di chi sta per piangere per quello che vede attorno a sè. Mentre passo sento che lui dice (in italiano) “questa città ci ha dato così tante opportunità, ora è il momento di ripagare”.

Chapeau.

Tags:

Breve rece Moto G

Mi è arrivato venerdì mattina (in anticipo sulla previsione originaria di Amazon.de, che dire, efficientissimi come al solito) il Moto G 8 Gb, ultimo cellulare di Motorola ora di proprietà di Google. In Italia esce lunedì (a 199 euro, 30 euro di più che su Amazon.de) e ho pensato quindi di farne una recensione.
Chiamarlo mini-Nexus non sarebbe inesatto: ha uno schermo molto bello, con una risoluzione che rivaleggia con il mio Nexus 10, ma nel contempo non va all’esagerazione degli ultimi modelli (sul serio: l’occhio umano non risolve più di 300 dpi, fermatevi!!!) e quindi non succhia la batteria più di tanto. Proprio la batteria sembra un punto di forza: dopo un paio di giorni di funzionamento (abbastanza tranquillo, avrò speso venti minuti di telefonate al giorno) e due nottate di modalità aereo sono ancora a metà batteria. Ho l’impressione che si possa arrivare a due giorni di impiego normale senza troppi problemi. Le prestazioni mi sembrano eccellenti, risponde velocemente senza impuntamenti e perfino Chrome per mobile su questo aggeggio sembra quasi un browser decente. Facebook no, Facebook per Android fa sempre schifo su qualunque cosa giri. L’audio in chiamata mi pare ottimo, il vivavoce al massimo è un po’ metallico ma poco male, l’importante è che sia forte. La ricezione non ha particolari problemi e anche il WiFi funziona bene. Infine, il punto di forza principale: qualità / prezzo (170 euro comprandolo in crucchilandia) non ci sono paragoni sul mercato: per avere qualcosa di analogo bisogna spendere almeno 100 euro di più (e a quel punto uno farebbe bene ad andare direttamente sul Nexus 5). Unico neo la fotocamera che non è un granchè, ma per me è un peccato trascurabile avendo altri strumenti.
Mio giudizio: 5 stelle e un must-buy per Natale. Ovviamente online.

Tags: , , , , ,

Le due pelosine

E’ un sacco che non posto, e ci sarebbe anche da parlare delle spade laser, ma lo lascerò per un’altra volta.

La novità è che in casa mia da un paio di settimane è arrivata Maia, una bellissima gattina grigia di tre mesi, e con lei per un paio di settimane è venuta gradita ospite la sua sorellina Ginger, una tigrata rossa a pelo medio dolcissima. Ora le due pelosine sono sul letto che dormono abbracciate, e io vorrei dir loro, svegliatevi, giocate assieme, che tra poco Ginger tornerà a casa con la sua mamma, e non vi vedrete più! Ma sono così dolci che non ho il coraggio di svegliarle, e mi piange il cuore. Sono felice di averla avuta qui, e triste allo stesso tempo. TVB Ginger, buona vita.

Galaxy

Dopo lunga tribolazione interiore ho deciso di rimpiazzare il mio netbook Asus EEE PC 1201 N di due anni con un tablet Samsung Galaxy Tab 8.9

Mi sono reso conto che nelle trasferte di lavoro le cose che mi servono sono a) skype, b) posta mentre per l’uso ricreativo a parte qualche film mi interessa c) leggere bene i pdf (manuali giochi di ruolo, giochi da tavolo) e d) i fumetti, e il nuovo pupillo dovrebbe fare tutte queste cose bene, pesando meno di un terzo… Un guadagno notevole, tranne che per il portafogli, ovviamente, anche se il portatile l’ho già piazzato su eBay annunci e venduto in mezza giornata.

Al prossimo delirio tecnologico! (prossimo post mi sa che sarà: “un anno col kindle”)

Tags: , , , ,

In ordine sparso, anzi sparsissimo:
  • Il tripulante del mese;
  • Gianni che chiama il baretto “Il putrido”, Salvatore che si arrampica sugli specchi per spiegare la cosa al Comandante, e io che la spiego a Jessica;
  • Lamentablemente;
  • La mensa dell’Almirante (la dimenticherei volentieri!!!);
  • “No me se puede presionar” dell’altro Almirante;
  • Il Rincon Gaucho;
  • Gli ottimi banchetti del Callao;
  • Il “Castigliano de Roma”, “Come cazzo si dice questo” e “C’est plus facil!” di Riccardo.

Hasta la vista!

Tags: , ,

RIP Steve Jobs

Tags: , , , ,

Il mio 9/11

Dieci anni fa quando successe ero di guardia all’ufficio tecnico della Marina Militare di Genova, in procinto di finire il mio servizio come ufficiale di complemento. Il tutto iniziò come una farsa: ero in riunione con un comandante e il Direttore quando entrò l’aiutante di quest’ultimo dicendo qualcosa tipo: “Direttò, direttò, un aereo si è piantato nella torre gemella”. Ricordo ancora che rimanemmo quasi un minuto in silenzio, come per assorbire la cosa, poi il Direttore riprese a parlare e terminammo velocemente l’argomento. Dopodichè io buttai lì un commento sul fatto che forse era il caso di telefonare per chiedere che allerta dovessimo assumere. La cosa finì lì, io smontai di guardia poco dopo, e dopo un po’ arrivò anche l’allerta. Passai la serata a casa della mia ragazza, a guardare la televisione assieme, con molte lacrime e parecchia angoscia. E questo fu il mio 11 settembre.

Dieci anni dopo, ci sono state due guerre, il mandante degli attentati è morto; però non siamo molto più sicuri, abbiamo speso un sacco di soldi, e abbiamo anche rinunciato ad alcune libertà; ma il nostro modo di vivere non è cambiato, non siamo nella paura, e questa è la più grande vittoria.

Sarei partito se mi avessero chiamato? Me lo sono chiesto parecchie volte. Mi piace pensare di sì.

Tags: ,

Wishlist aggiornata

Aggiornato la wishlist… Del resto, si avvicina il compleanno! :D

FAS

La FAS, o False Authority Syndrome, è quel meccanismo psicologico per cui se viene chiesto a qualcuno di famoso “Cosa pensi di supercazzola prematurata?” (per dire un argomento qualsiasi, di solito tecnico, di cui però il detto non sa nulla, avendo la terza media a dir tanto) e lui risponde “Antani sbirilicuda!” automaticamente chi l’ascolta è portato ad attribuire al suo parere un valore almeno pari, se non superiore, a quello di un professor Zichicchiricchì. E’ un fenomeno che si riscontra molto spesso nel campo dell’IT (me l’ha scritto un ingegnere della Microzozz che il mio piccì c’ha il viruss che mi fa esplodere l’ardisco, deve essere così!) ma vale un po’ per tutto (pensate a quante volte a calciatori vengono chiesti pareri sulle questioni più disparate). Da ricordare.

Tags: , , ,

« Older entries