Cose che faccio

You are currently browsing the archive for the Cose che faccio category.

Circa un mese e mezzo ho acquistato un Kindle 3G, l’eBook reader di Amazon che negli USA sta cambiando il mercato dell’editoria.
Si tratta di un device piccolo e leggero, dedicato alla lettura, principalmente della narrativa, NON di uno dei tanti tablet che sono diventati l’ultima moda dopo quella dei netbook.
Le differenze sono nel costo (150 euro circa, un tablet costa 4 volte tanto), nello schermo (eInk invece che LCD) e nella funzione (principalmente lettura invece che internet e multimedia).
Ho menzionato lo schermo, che è il punto forte del Kindle 3G; grande come un paperback, ottimamente contrastato, si legge meglio di un libro, in qualsiasi condizione di luce, anche all’esterno, dove gli schermi LCD retroilluminati mostrano tutti i loro limiti; di contro, necessita di una luce per essere letto al buio. Il tempo di aggiornamento delle pagine è analogo a quello che si avrebbe sfogliando un libro, la risposta ai comandi veloce; nel contempo la durata delle batterie è mostruosa (ricarico il Kindle ogni 2-3 settimane) a patto ovviamente di staccare il wireless quando non serve. Di contro, l’eInk è in bianco e nero, quindi non ottimale per la fruizione di, ad esempio, riviste; del resto NON esistono eBook reader a colori, quelli che proclamano di esserlo hanno uno schermo LCD e quindi sono inadatti alla lettura prolungata.
Le funzionalità del Kindle sono perlopiù dedicate alla lettura: il testo può essere ridimensionato, si possono cambiare i font, ci si può perfino far leggere il libro ad alta voce dal Kindle; si può ovviamente fare una ricerca all’interno del testo, mettere segnalibri, prendere note e condividerle sui social network (Twitter e Facebook) tramite il modem 3G di cui il Kindle è dotato assieme al WiFi. Lo stesso modem può essere usato in quasi tutto il mondo per acquistare libri direttamente dal negozio di Amazon, come anche per consultare la Wikipedia e (per i soli utenti americani) navigare liberamente su internet e la connessione NON si paga (o per meglio dire, è compresa negli altri costi) il che è un bonus non da poco, e forse uno dei motivi che più spiega il successo del Kindle.
Cosa ne penso io? Beh, è un oggettino eccezionale. E’ così comodo da portare in giro che lo tengo sempre con me, e ho ripreso a leggere molto di più, anche sull’autobus (dove desta un po’ di curiosità) e soprattutto in viaggio, ma lo uso anche in casa… La comodità di avere una mezza biblioteca con sè non è da poco. D’altra parte, la non disponibilità sul negozio di Amazon di eBook in italiano (dello schifo che è il mercato dell’editoria in Italia parlo in un altro post) potrebbe essere un problema per alcuni… Ma non per me, dato che leggo più in inglese che italiano, e i libri in italiano non ho alcuna difficoltà a trovarli in libreria, al contrario dei primi. Non è da sottovalutare poi il fatto che molti contenuti si trovano su internet, sia in maniera legale che meno legale.
E’ importante ricordare che il Kindle supporta il formato mobi, tuttavia gli eBook in formato epub possono essere convertiti facilmente usando Calibre (e viceversa), a patto che non siano protetti (o siano sprotetti in qualche modo, di cui ovviamente qui non parleremo perchè ai confini del lecito). Maggiori informazioni su queste questioni nel post dedicato.
Si tratta secondo me del migliore dispositivo per la lettura di eBook attualmente disponibile, come prestazioni, qualità di lettura, costo; tuttavia, se voleste regalare un reader a vostra madre che legge solo in italiano e non ha voglia di convertire contenuti o smanettare, consiglio un più costoso Sony compatibile con gli stand… Con l’estorsione in vigore in Italia. Per me, non c’è proprio partita… Kindle.

Tags: , , ,

E’ giunto finalmente il momento degli eBook… Non è più una domanda bensì una constatatazione.
Considerate questi due dati: Amazon sta vendendo più eBook che libri di carta; BORDERS sta chiudendo più di 200 librerie negli USA. Letti assieme ci dicono che il momento è epocale, e come al solito dalle nostre parti non pare essersene accorto nessuno, o quasi.
Ma cosa è un eBook esattamente? Diciamo intanto cosa NON è: un pdf NON è un eBook, bensì la rappresentazione grafica di un testo, con una formattazione ben precisa, spesso sofisticata, e non modificabile. Gli eBook invece sono testo puramente elettronico, con una formattazione di base, e sono quindi riformattabili per essere letti comodamente anche su schermi abbastanza piccoli come i 6″ dei più diffusi reader.
Gli eBook vengono in due formati principali: .Mobi e .ePub, entrambi ben diffusi e con i rispettivi vantaggi e svantaggi; di per sè i due formati sono convertibili reciprocamente tramite opportuni programmi di conversione, come l’open source Calibre, ma NON quando blindati da lucchetti proprietari.
E qui vengono le note dolenti: infatti ogni negozio di eBook sul mercato impone una protezione ai contenuti, ad esempio Amazon rilascia dei file .azw che sono dei .Mobi protetti, altri venditori ricorrono al DRM di Adobe piazzato sui file .ePub. Questa “protezione” (che ovviamente è già stata aggirata) rappresenta il principale ostacolo alla diffusione degli eBook, e finisce con l’infastidire solamente i clienti paganti, dato che gli stessi contenuti sono quasi sempre con un po’ di fantasia reperibili… In pratica, dato che i dispositivi leggono un solo formato, e i file protetti non sono convertibili, uno è portato alla pirateria semplicemente per poter condividere i propri contenuti tra i vari dispositivi di cui è a disposizione. Uno stato di cose assurdo che ovviamente non può durare.
Il mercato degli eBook risente decisamente delle resistenze dell’editoria tradizionale, ma negli USA e in UK la presenza di Amazon sta destabilizzando i giochi di cartello in maniera decisamente rapida. Inoltre la pervasività dei mass market paperback fa sì che quasi tutti i libri si trovino entro poco dall’uscita a 4.99 o anche meno. In Italia, dove non c’è la stessa pratica di rilasciare hardback e poi paperback, il grosso dei libri si trova sui 15 o 20 euro e buona notte. E questa è la ragione per cui difficilmente comprerò degli eBook in Italia, finchè Amazon non arriverà anche qui a scompaginare le carte… Ed è solo questione di tempo.
Un altro motivo per cui l’editoria tradizionale resiste ferocemente all’arrivo degli eBook è quello dell’autopubblicazione: chiunque abbia talento può mettere assieme facilmente un eBook e affidarlo ad Amazon per le vendite, con una percentuale sugli incassi che raggiunge il 70%, contro il 10% o meno tipico dell’editoria tradizionale… Con un’accorta autopromozione su internet diversi autori sconosciuti, tra cui una ragazzina americana di nemmeno 20 anni, sono entrati nei top-10 dei libri venduti su Amazon, guadagnando cifre ragguardevoli. Ovvio che i grandi editori non vedano di buon occhio un media che sfugge al loro controllo e alla loro percentuale. Ma la resistenza è inutile, e come dimostra Amazon i lettori sono perfettamente capaci di votare col proprio portafoglio.

Tags: , ,

SPOILERS WARNING

Ieri sera siamo andati a vedere il film, finalmente, trovando a malapena un posto con una prenotazione online… Erano praticamente gli ultimi della città, pazzesco.

Che dire? Secondo me hanno fatto un ottimo, ottimo lavoro. Il film rende veramente bene l’atmosfera cupa del libro, e ha un’ottima fotografia (le scene in esterno sono in posti splendidi). Non si risparmia nessun colpo, come l’uccisione della prof. all’inizio o la tortura di Hermione… Tutto molto molto fedele tranne qualche piccolo dettaglio.

Mi è piaciuta molto la scena dove Harry fa ballare Hermione per consolarla. Splendidi come al solito i comprimari, ma molto bravi anche i tre che hanno decisamente tutti fatto progressi notevoli.

Insomma, un bel 4 stelline solo perchè ce ne  ancora metà da venire, e decisamente raccomandato.

Tags: , , , , , , , ,

Grappa all’aglio Terribile

Più la mandi giù, e più ti torna su. Dà il meglio di sè se incendiata.

Un momento da ricordare.

Tags: , , , ,

And I heard a voice in the midst of the four beasts
And I looked and behold, a pale horse
And his name that sat on him was Death
And Hell followed with him.

Generation Kill è una serie per la TV prodotta dalla HBO (TV via cavo americana) che racconta in sette puntate la Seconda Guerra del Golfo vista dal punto di vista di un embedded reporter che ha seguito un plotone di Recon Marines durante la loro campagna dall’inizio della guerra alla presa di Baghdad. Il punto di vista è piuttosto biased dalla parte dei soldati (mugugni contro gli ufficiali, ecc.) ma è un interessante spaccato di come una generazione affronti la guerra. Decisamente da vedere, meglio se in lingua originale dato che i doppiaggi italiani non riproducono minimamente lo slang tipico.

Ah, per quelli che apprezzano queste cose… Nei titoli di coda della sesta puntata c’è un’ottima spiegazione del “cosa te lo fa fare”?

Tags: , , , ,

Per quelli che hanno visto Band of Brothers, l’altro grande teatro di guerra della Seconda Guerra Mondiale, in una nuova serie HBO prodotta da Hanks & Spielberg. Da vedere? Sì, ma un po’ più dispersiva di BoB. Merita, in ogni caso.

Tags: , ,

Non c’era mai stato un match così lungo… 138 games nel set finale! Posso solo immaginarmi quanto fossero stanchi i giocatori! Congratulazioni a tutti e due!

Tags:

La mia parentesi Mac, per il momento, è finita… Enter the Beast!

AMD 6-core a 3.2 GHz
6 GB RAM
5850 Twin Frozr II 5870 Vapor-X

Per dirla come Kick-Ass… Spacca! :D

Kick Ass

Lo so, lo so… Non mi piacciono i supereroi, ma quelli sfigati… Beh, spaccano! :D

Ho trovato in fumetteria il primo volume del fumetto, e ora sta per uscire al cinema… Kick Ass!

Per la cronaca, il fumetto è MOLTO più esplicito del film quanto a violenza :D

Kobol!

E con un ultimo salto FTL, proprio mentre gli strenui difensori stavano oramai per cedere, la provata flotta coloniale, rimasta con 1 popolazione, 1 morale, 1 cibo (ma un sacco di carburante) è riuscita ad arrivare a Kobol! Urrà!

Bellissima partita, tra l’altro, tirata fino all’ultimo, la migliore che io abbia visto sinora. E considerando che tre giocatori erano alla prima esperienza… Direi che è stato un successo!

Tags: , , , , ,

« Older entries § Newer entries »